(ANSA) – LONDRA, 12 GEN – Si traduce in un rapporto di tremila pagine la storia dei maltrattamenti perpetrati per decenni, dal 1922 al 1998, negli istituti religiosi per ragazze madri e i loro figli in Irlanda. Una strage, si conta, di circa novemila neonati e bambini, morti per abbandono, malnutrizione o malattie non curate, ora accuratamente documentata. Il rapporto sarà presentato domani al Parlamento di Dublino dal premier Michéal Martin, accompagnato da un atto ufficiale di scuse da parte dello Stato, che quegli istituti sovvenzionò a lungo.
    Sulla vicenda si è molto indagato negli anni recenti, fino al ritrovamento di fosse comuni come quella di Tuam, nella contea di Galway. Una commissione indipendente ha raccolto innumerevoli testimonianze, racconti di esperienze ai limiti dell’orrore, rese note finora solo a superstiti ed eredi. L’ultimo di questi istituti è stato chiuso nel 1998. (ANSA).
   

L’articolo originale lo trovi cliccando qui