(ANSA) – ROMA, 14 SET – Il nuovo lavoro era pronto già per uscire a marzo, ma il Covid-19 ne aveva fermato la corsa. Ora Nuda, settimo album di Annalisa, vede finalmente la luce (il 18 settembre per Warner Music), anticipato dai singoli Houseparty, Vento sulla Luna e Tsunami. “Ed è un disco decisamente migliore di quello di marzo – racconta la cantautrice ligure -, perché questi mesi mi hanno permesso di curare ogni dettaglio”.
    Già dal titolo, l’obiettivo di Annalisa è chiaro: “Mi metto a nudo dal punto di vista umano, ma anche da quello artistico. Via filtri e orpelli, per far arrivare altro, nel bene e nel male”, spiega lei che afferma di vivere la musica in maniera totalizzante “e non c’è un’Annalisa privata e un’Annalisa sul palco, sono sempre la stessa. E’ la mia vita sempre”. Nel disco (“che ho costruito pensando a un lato A e un lato B, le mie due anime che si completano a vicenda”) tredici brani e quattro collaborazioni eccellenti con Rkomi (Vento sulla Luna), J-Ax (Romantica), Achille Lauro (N.U.D.A. (nascere umani diventare animali) e a Chadia Rodriguez (Principessa).
    Annalisa coglie l’occasione anche per rispondere alla chiamata alle armi di Ghali sulla morte di Willy Monteiro, il 21enne pestato a morte dal branco. “Ghali ha fatto bene a sollecitare i colleghi a esporsi. Io sono con lui. Chi ha la possibilità di arrivare a tante persone ha il dovere, in situazioni di gravità assoluta, di prendere posizione”. E Annalisa lo ha fatto anche su Instagram, dove qualche giorno fa ha scritto: “Quello che è successo è inaccettabile, triste, drammatico, e ancora peggio sono le cose che sono state dette dai famigliari dei suoi ASSASSINI. A cosa serve seminare odio? Mettere l’accento sempre e solo sulle differenze?”. (ANSA).
   

L’articolo originale lo trovi cliccando qui