Maddalena Corvaglia è di nuovo innamorata
Maddalena Corvaglia è di nuovo innamorata
Maddalena Corvaglia è di nuovo innamorata

Estate, tempo di gossip, specie sul fronte amoroso. I primi ad essere stati folgorati da Cupido in questo inizio di stagione sarebbero l’ex velina Maddalena Corvaglia e Paolo Berlusconi, fratello low profile di Silvio, che di solito non ama troppo far parlare di sé. L’indiscrezione, lanciata dall’agenzia di stampa LaPresse e presto rimbalzata suo social, parla di un fidanzamento in gran segreto, con tanto di presentazioni ufficiali in famiglia, a Portofino, durante un recente weekend romantico.

Nessuna conferma né smentita da parte dei diretti interessati, almeno finora e dalla presunta nuova coppia nulla trapela. L’account Instagram della Corvaglia racconta sì di un recente viaggio al mare, ma a Forte dei Marmi, e passeggiate a Milano, mentre Berlusconi non è uomo da social. Certo è che i due si conoscevano già da tempo, complice anche il lavoro dell’ex velina, ma secondo le indiscrezioni si sarebbero avvicinati solo di recente.

Entrambi hanno storie importanti alle spalle. Maddalena Corvaglia, 41 anni, è single dal 2020, quando aveva rotto con il compagno Alessandro Viani, immobiliarista con cui ha fatto coppia per quattro anni. Prima di lui, il marito Stef Burns, da cui ha avuto una bambina, Jamie, che oggi ha dieci anni.

Paolo Berlusconi, 71 anni, ha due matrimoni alle spalle. Il primo con Mariella Bocciardo, che gli ha dato due figlie, Alessia e Luna Roberta, il secondo con Antonia Rosa Costanzo, madre di Davide Luigi e Nicole Rose. Dopo il divorzio, due storie famose, prima con Katia Noventa e poi con Natalia Estrada, fino a quella fugace con Carolina Marconi, finita nel 2012.

Né lui né la Corvaglia, insomma, sono stati particolarmente fortunati in amore. Che sia la volta giusta? Ammesso che le indiscrezioni siano fondate, s’intende.

LEGGI ANCHE

Maddalena Corvaglia ad Alessandro Viani: «Siamo carne e fiato»

LEGGI ANCHE

Maddalena Corvaglia: «I panni, sporchi e no, vanno lavati in casa»

L’articolo originale lo trovi cliccando qui