(ANSA) – CASTELPLANIO (ANCONA), 28 MAR – “Se non riusciamo a fermare il contagio questa nuova malattia sarà una nuova spagnola”. Parole profetiche, pronunciate nel 2003 da Carlo Urbani, esperto di malattie infettive per l’Oms, vittima in quello stesso anno della Sars, che aveva contribuito ad individuare come nuova patologia. Per l’emergenza coronavirus sono state cancellate le iniziative in programma a Castelplanio, la sua città, e in altre località delle Marche, domani per l’anniversario della sua morte. La moglie Giuliana Chiorrini e il figlio Tommaso ricordano con l’ANSA quei giorni drammatici, tra Hanoi dove abitava con moglie e 3 figli piccoli e Bangkok dove morì. “Ci fu un grande scambio di mail con l’Oms e con i governi, che non volevano chiudere le frontiere – raccontano -, ci vollero dieci giorni. Per lui però era troppo tardi”. Urbani fu una delle oltre 700 vittime della Sars, meno contagiosa del coronavirus ma più letale. “Oggi abbiamo visto le stesse dinamiche” dicono la moglie e il figlio.
   

L’articolo originale lo trovi cliccando qui